dragan stenek

stenek rischiamo veramente di perdercelo.

due pictor rervm

(dragan stenek ed oreste casalini considerano i loro valori aggiunti)

e stenek è di quei facitori di opere che non tornano più, terminato il loro circolo vitale su questa terra. dobbiamo industriarci per combinare un suo succedaneo ritorno, un millantato apparire, almeno uno sfarfallio di ciglia. bevendo vodca.

dragan stenek _ opera pittorica

e chiedersi, dopo, chi o che cosa fosse... con stenek, dragan stenek, in virtù forse della sua possanza o in vizio, invece, della sua brama distruggitrice, cioè che viene dopo, cio che viene di altro, è in realtà tutto ciò che abbiamo lasciato alle spalle, il ponte che abbiamo distrutto al passaggio, in una circolarità del mondo e dei transuenti al quale si può reagire solo piantandosi, solo circoscrivendo orbite ossessive, nell'incisione di fondamenta inattaccabili. anche se tutto ciò dura poco o durerà niente.

e ci rimane di stenek, dragan stenek, solo qualche fotografia in bianco e nero, un'opera nella nostra casa. un vuoto fortiore in petto.

dragan stenek _ opera pittorica

quanto è nell'arte moderna dilaniamento e prostrazione, coli di scuri sul senso e negate illuminazioni, in stenek, dragan stenek è acquisita quotidianeità, acquiescente ordinatezza. croato di sarajevo. lo abbiamo visto dipingere in una cantina, tradito dalla precaria illuminazione ed intossicato dai fumi venefici delle vernici e delle soluzioni sinetiche. lo abbiamo visto dipingere irato e da sprofondo, scandaglio in zone di difficile avvicinamento.

>< >< >< >< ><

a stenek

pattinava divinamente
lanciato con bell'impeto
e concludeva davvero così bene!

sottile come una gran bella ragazza
brillante, vivo e forte, come un ago
l'elasticità, il guizzo dell'anguilla

incantevoli giochi ottici
tormento delizioso di occhi,
un lampo (l'avresti detto grazia)

a volte restava come invisibile
velocità diretta ad un bersaglio
così lontano, anch'esso invisibile

invisibile resta ancora oggi.

che sarà avvenuto di lui?
che sarà avvenuto di lui?

o.c.